• Home
  • Blog
  • Come tutelare e proteggere la proprietà industriale

Come tutelare e proteggere la proprietà industriale

Le aziende generano e custodiscono valore, ma non sempre si tratta di qualcosa di tangibile. I marchi, i brevetti e il design rappresentano alcuni di questi intangibili valori da proteggere attraverso la proprietà industriale. Questa non è da confondere con la proprietà intellettuale, per quanto esse siano strettamente legate.

Facciamo un po’ di chiarezza tra i due concetti e vediamo perché è come tutelare la proprietà industriale.

Differenza tra proprietà industriale e intellettuale

Premesso che le due proprietà sono simili, il Codice della Proprietà Industriale (CPI) specifica nell’articolo 1 che:

Ai fini del presente Codice, l’espressione proprietà industriale comprende marchi e altri segni distintivi, indicazioni geografiche, denominazioni di origine, disegni e modelli, invenzioni, modelli di utilità, topografie dei prodotti a semiconduttori, informazioni aziendali riservate e nuove varietà vegetali.

Dal Codice, e quindi dalla definizione di proprietà industriale, risultano escluse le opere d’ingegno a carattere creativo, le quali rappresentano delle proprietà intellettuali e possono contare sulla tutela fornita dal diritto d’autore.

Come tutelare la proprietà industriale

Sempre prendendo come punto di riferimento il CPI, per acquisire i diritti sulla proprietà industriale, e quindi poterla sfruttare e potersi tutelare in caso di violazioni, occorre depositare un brevetto in caso di invenzioni, modelli di utilità e nuove varietà vegetali, mentre i disegni e i modelli, le topografie dei prodotti a semiconduttori e i marchi devono essere registrati, secondo le apposite procedure di registrazione dei marchi da espletare presso l’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi (UIBM).

Perché proteggere la proprietà industriale

Lo stesso Ministero dello Sviluppo Economico spiega che occorre tutelare la proprietà industriale per un preciso motivo: la competitività:

“L’innovazione, la creatività, il know-how, la ricerca, ma anche l’aspetto estetico dei prodotti o il carattere attrattivo dei marchi: sono questi i fattori che consentono alle imprese di essere competitive in un mercato altamente concorrenziale – che seleziona i prodotti sulla base della qualità – come quello italiano ed europeo.”

Servizi a tutela della Proprietà Industriale

Sono stati istituiti diversi strumenti per agevolare gli utenti nell’attività di deposito dei diversi titoli di Proprietà Industriale. Tra di essi, segnaliamo la piattaforma online del deposito telematico. Muniti delle credenziali per poter accedere al servizio, insieme alla disponibilità della propria firma digitale, si potrà depositare un marchio italiano, un design, un brevetto, accedendo alla piattaforma online https://servizionline.uibm.gov.it/deposito-online-new/pubblica/index.html.

A tal proposito, segnaliamo che il Ministero dello Sviluppo Economico mette a disposizione anche una banca dati online (http://www.uibm.gov.it/bancadati/), dove verificare, quanto meno, la presenza di eventuali marchi identici al proprio. Questo servizio risulta certamente utile per verificare uno dei requisiti previsti dal Codice della Proprietà Industriale, ossia quello di novità, sebbene la ricerca dovrebbe essere estesa anche ai marchi simili, ugualmente pertinenti e pericolosi. D’altro canto, per tale eventuale servizio specialistico, sarà necessario rivolgersi agli Studi specializzati, dotati di software specializzati ed in grado sia di esaminare i risultati di ricerca sia di elaborare poi la migliore strategia di deposito dei diversi segni distintivi.

Parimenti utile, risulta la consultazione e la verifica dei prodotti/servizi da rivendicare attraverso la piattaforma Tmclass, della quale ci siamo già occupati in un altro articolo e al quale, quindi, rimandiamo per tutti i dettagli.

Il Ministero dello Sviluppo Economico mette a disposizione anche un call-center informativo al numero +39 06 4705 5800, dalle ore 9:00 alle ore 17:00, escluso il sabato e i giorni festivi, al quale poter richiedere le informazioni di base. Qualora, invece, si desideri approfondire le tematiche di proprio interesse ed ottenere delle mirate consulenze specialistiche, consigliamo di rivolgersi agli Studi specializzati come il nostro, in grado di orientare ed indirizzare al meglio gli utenti, vista l’ampiezza e la tecnicità della materia.

Qualora si volesse valutare di tutelare i propri titoli di Proprietà Industriale in ambito comunitario ed extracomunitario, bisognerà fare riferimento all’EUIPO e al WIPO, vale a dire gli Uffici competenti a ricevere le domande di marchio, design, oltre all’EPO, deputato a ricevere le domande di brevetto europeo. Nell’apposita sezione dei link, trovate tutti i collegamenti ai suddetti Uffici, per acquisire tutte le informazioni utili di proprio interesse.

Cosa è bene sapere sulla Proprietà Industriale

Ciò detto, ci corre l’obbligo sgombrare il campo da alcuni dubbi/equivoci, viste le continue richieste che riceviamo in tal senso dagli utenti che ci contattano. Ogni singolo e specifico strumento della Proprietà Industriale, per poter essere adottato, necessita dell’obbligatoria presenza dei presupposti di legge, da verificare prima di intraprendere l’attività di deposito vera e propria, oltre al fatto che ciascun strumento ha la propria specifica finalità di tutela, per la serie gli stessi non sono intercambiabili, quindi, possono essere adottati solo qualora ricorrano le ipotesi tassative previste dalla normativa.

Alla luce di ciò, al fine di ottimizzare il proprio investimento nella Proprietà Industriale ed evitare così di incorrere in possibili obiezioni/contestazioni dei vari Uffici competenti, risulta strategico verificare previamente se lo strumento individuato sia effettivamente adottabile o meno, se lo stesso possa fornire un effettivo valore aggiunto al proprio core-business. Infatti, la registrazione di un marchio, brevetto, design potrebbe non costituire la miglior soluzione adottabile nel nostro caso, quindi, potrebbe rivelarsi un investimento poco redditizio. Di conseguenza, solo un’attenta valutazione preliminare, effettuata a cura del proprio professionista di fiducia, potrebbe evitare di farci intraprendere degli investimenti che potrebbero rivelarsi poco fruttuosi.

Se hai bisogno di proteggere la tua proprietà industriale, contatta il nostro studio specializzato in marchi e brevetti.

Tags: ,

Contattaci


Inviaci una mail e Seguici su Facebook

Twitter

Contattaci


Bologna

Via Schiassi, 2 -
40138 Bologna (BO)
Tel. + 39 331 2249228.
e-mail: [email protected]
partita iva: 01588450435

Civitanova Marche

Via Berni, 7
62012 Civitanova Marche (MC)
Tel. + 39 331 2249228
e-mail: [email protected]
partita iva: 01588450435

Fai una Domanda

Compila la tua richiesta:
l'Ufficio risponderà il prima possibile.
VAI AL FORM

Fai una Domanda

Compila la tua richiesta:
l'Ufficio risponderà il prima possibile.
VAI AL FORM